Fisiopatologia Terapia del Dolore Cure Palliative

Sede

Città Ospedaliera - Contrada Amoretta

Piano secondo - Settore A

Attività

L'Unità di Terapia Antalgica dell'Azienda Ospedaliera "S.G.Moscati" di Avellino  è oggi il punto di riferimento per la cura del Dolore in tutta la Regione Campania.
Iniziando da una accurata  visita e da una corretta diagnosi si riesce a determinare quale metodica può essere la più idonea ad alleviare il dolore e la sofferenza. Si offre un servizio assistenziale specializzato dove sono prioritari il contatto umano e la comunicazione con il paziente.

 

Attività in regime di day-hospital

Diagnostica:
in regime di day-hospital si eseguono tutte le indagini di laboratorio e strumentali finalizzate alla diagnosi eziologica sul tipo e la provenienza del dolore.

Terapeutica:
epidurali, blocco farmacologico simpatico-lombare ed altri nervi, posizionamento di  cateteri venosi centrali (Porth-a-cath, CVC, ecc.), ozonoterapia, tecniche mini-invasive per il trattamento delle ernie del disco, autoemotrasfusioni con ozono per le arteriopatie degli arti inferiori e piaghe da decubito, intra-articolari, refill di pompe intratecali.

Attività in regime di ricovero ordinario

Cure palliative, patologie dolorose acute, posizionamento di pompe intratecali per la spasticità o per il dolore cronico, posizionamento di stimolatori midollari, etc.



Attività ambulatoriali

 

Visite antalgiche:
le visite antalgiche effettuate in regime ambulatoriale sono finalizzate alla diagnosi ed al successivo trattamento di patologie come le rachialgie, cervicalgie, cervico-brachialgie, cefalee muscolo-tensive, lombalgie, lombo-sciatalgie, ernie discali, epicondiliti, epitrocleiti, Sindrome dell'arto fantasma, dolore oncologico, etc.

Ozonoterapia: 
è una miscela di gas costituita da Ossigeno - Ozono utilizzata nel trattamento del dolore di origine vertebrale, sia esso dovuto ad una patologia degenerativa della colonna vertebrale (artrosi) sia alla presenza di un vero conflitto disco-radicolare (ernia del disco). Si pratica iniezione di ozono sia intradiscale (ernia contenuta) sia intraforaminale (ernia estrusa) sia periradicolare.

Mesoterapia :
è una tecnica iniettiva intradermica o ipodermica che stimola reazioni reflessoterapiche locoregionali impiegando prodotti della comune farmacopea in dosi minime. Essa è indicata nelle patologie algiche, flogistiche, cervicobrachialgie acute, sciatalgie, cefalee miotensive, conflitto di spalla, tendiniti,etc.).

Fisiokinesiterapia e terapia fisica:
corr.diadinamiche, tens, laser CO2 , laser IR, magnetoterapia, ultrasuonoterapia, ionoforesi, rieducazione motoria attiva/passiva etc..

S.T.E.S.:  sistema di somministrazione transdermico attraverso elettrostimolazione con phoresor veicolazione di farmaci nella quantità terapeutica desiderata e solo nelle zone interessate dalla malattia.

Ipertermia:
si ha una induzione in parti dell'organismo di onde elettromagnrtiche ad alta frequenza, che generano nei tessuti profondi  temperature tra i 41° e i 45°, a secondo degli obiettivi terapeutici. Il calore prodotto in un punto diffondendosi nei tessuti circostanti per conduzione e attraverso il sistema circolatorio, provoca vasodilatazione e accelerazione della circolazione sanguigna, con un più attivo rilascio di sostanze necessarie per i processi riparativi e una più rapida eliminazione delle sostanze tossiche e di scorie, riducendo gli edemi e stimolando il matabolismo cellullare. Infine, favorendo la produzione di endorfine, viene attenuato il dolore producendo un effetto antalgico.

Allegati


Numeri Telefonici

Direttore:   0825203839

Dr. De Falco Giovanni (Direttore Medico di I Livello):   0825203842

Organigramma-Staff Tecnico Riabilitazione:  

Ivana Nardiello (Terapista della Riabilitazione):   0825203849

Tiziana Porfido (Infermiera Professionale Ambulatorio FKT):  

Organigramma - Staff Infermieristico ed OSS:  

Infermieri Professionali:  

Maria Grazia Iermano - Accettazione Day Hospital:  

Luisa Palma - Ambulatorio semi invasivo:   0825203830

Reparto di terapia del dolore e cure palliative:   0825203839
0825203842
0825203837

Personale

Direttore medico di II Livello:  

Direttore medico di I Livello:   Dr. D. Abbenante
Dr. De Falco Giovanni

Terapista della Riabilitazione:   Ivana Nardiello

Infermiere Professionale:   Tiziana Porfido - Ambulatorio FKT

Infermieri Professionali:   Maria Grazia Iermano - Accettazione Day Hospital
Luisa Palma - Ambulatorio semi invasivo
Annamaria Boccia
Domenico De Mattia
Tiziana Rocco
Antonio Ciarcia
Paola Vaselli
Gerardo Lombardi
Rosaria Curcio
Massimo Cecere
Anna Marrano - OSS

Orari

Informazioni:
 

Day Hospital
Dal lunedì al venerdì
dalle ore 8.30 all 12.30

Ambulatorio FKT
Dal lunedì al venerdì
dalle ore 8.30 alle 12.30

Ambulatorio mini-invasivo
Lunedì, mercoledì e venerdì
dalle ore 8.30 alle 12.30

Le prenotazioni per le visite ambulatoriali in regime di convenzione si effettuano al Centro Unico di Prenotazione (CUP) o telefonando al numero 0825 203294 muniti di impegnativa del Medico di Base o presso l'Ufficio ALPI per le visite intra-moenia.

E' possibile ottenere le seguenti informazioni dal Lunedì al Venerdì dalle  h. 8,30 - 13,00 telefonando allo 0825 203842 - 203837.


Chirurgia semi-invasiva

Vertebroplastica:
è una procedura mini-invasiva percutanea sotto visione fluoroscopica, che si rende necessaria per riparare le fratture dei corpi vertebrali provocate o da lesioni secondarie di neoplasie, oppure da crolli vertebrali su base osteoporotica.

Cifoplastica con palloncino:
l'intervento consiste nella costituzione di una cavità all'interno del corpo vertebrale con un palloncino ortopedico e iniezione di cemento (polimetilmetacrilato- PMMA) all'interno della vertebra con un apposito ago posizionato sotto guida Fluoroscopica, il tutto in anestesia locale.

Stabilizzazione Vertebrale percutanea (SEX-TANT):
è una metodica di trattamento mini-invasiva, che avviene per via percutanea, delle fratture vertebrali con retro pulsione del muro posteriore o di altre patologie vertebrali (spondilolistesi) che comportino una   riduzione dello spazio discale ed una listesi vertebrale con compressione  radicolare. Anestesia spinale.

Stimolatore Midollare per SCS:
stimolazione elettrica a basso voltaggio delle cellule delle corna dorsali del midollo-spinale per ottenere:
a) significativo abbattimento del dolore neuropatico nella zona di riferimento (arti inf. c.v. Lombo-sacrale; precordio  etc.)
b) vasodilatazione iniziale e redistribuzione di flusso ematico nel medio periodo (arteriopatia ostruttiva arti  inf.; cardiopatia ischemica etc.)  i pazienti che maggiormente possono giovarsi di questa metodica sono quelli affetti da:
1) angina pectoris instabile
2) arteriopatia ostruttiva arti inf.
3) Morbo di Raynaud
4) Morbo di Burger
5) sindrome  post-laminectomia o da fallito intervento chirurgico della colonna vertebrale
6) arto fantasma
7) stenosi  della colonna vertebrale
8) neuropatia diabetica
9) arterite di Takayasu

Anuloplastica (IDET):
l'anuloplastica è una procedura mini-invasiva percutanea che si rende necessaria per il trattamento delle EDL contenute. Essa consiste nella termoablazione dei nocicettori dell'anolus discale e contemporaneamente nella coartazione dello stesso, che consente la risoluzione del conflitto disco-radicolare.

C.V.C. - Porth a cath:
il posizionamento di un C.V.C. oppure di un Port a cath è una procedura mini-invasiva che si realizza attraverso un accesso ad una vena centrale  per via percutanea  che si rende necessaria onde consentire al paziente di ricevere le cure necessarie alla sua malattia (chemioterapia, idratazione, alimentazione parenterale, ecc.).

Test per la somministrazione di Morfina o di Lioresal intratecale: la somministrazione di farmaci per via intratecale è una metodica che si rende necessaria in quei casi particolari, refrattari ad ogni tipo di terapie meno invasive, per i quali esclusivamente questa via di somministrazione può risolvere o migliorare il loro stato. Consiste nel praticare una iniezione (microspinale) di farmaco Morfina per il dolore o LIORESAL per la spasticità) direttamente nel liquido cefalo-rachidiano mediante ago sottilissimo verificandone poi gli effetti a varie scansioni di tempo. In caso di risposta al Test c'è indicazione all'impianto dei una Pompa intratecale.

Impianto di Pompa intratecale:
consiste fondamentalmente nell'inserimento di un cateterino nello spazio intratecale, a diretto contatto con le terminazioni nervose responsabili della percezione del dolore o della spasticità, collegato per via sottocutanea ad una pompa meccanica inserita in un marsupio in fossa iliaca. La pompa è lo strumento capace di somministrare in modo lento e costante il farmaco direttamente sui recettori del dolore o della spasticità.

B.F.A.:
test prognostico diagnostico utile nella diagnosi, eziologica di di Low-Back-Pain (dolore lombare cronico da sindrome distrofia delle faccette articolare)

Termoablazione in Radiofrequenza:
è una procedura mini-invasiva percutanea indicata in presenza di un dolore cronico lombare o cervicale invalidante che non è curabile con altre metodiche meno invasive perchè inefficaci. Consiste nel bruciare la terminazione nervosa responsabile del dolore che, una volta abolito, consente un netto miglioramento della qualità della vita.

Posizionamento di distanziatori vertebrali (APERIUS):
i distanziatori vertebrali sono degli spessimetri che servono a riportare le distanze tra un corpo vertebrale e l'altro ad un livello più vicino alla norma nel caso in cui esso sia fortemente ridotto. La via dell'intervento è percutanea e mini-invasiva.

Somministrazione di acido jaluronico intrarticolare (ginocchio-anca):
l'acido jaluronico è una sostanza terapeutica presente in molti tessuti umani, in particolare nel liquido sinoviale, che agisce nelle articolazioni come lubrificante di cartilagini e legamenti. Le sue particolari caratteristiche consentono di ripristinare le proprietà fisiologiche delle articolazioni artosiche, riducendo il dolore e ripristinando la mobilità articolare.